Condividi:

Pandolce al cioccolato

Una ricetta di Piergiorgio Giorilli dal libro “la lievitazione lenta”

Amo le cose semplici, come i pani dolci, le focacce e le brioche…
Mi piace sentire il profumo del lievito, vedere l’impasto crescere e lievitare.. Curarlo delicatamente come un bambino. Si i lievitati richiedono tempo, dedizione e amore più di altri dolci. Inoltre da pochi mesi ho il mio lievito madre a coltura liquida e quindi sperimento e studi anche impieghi diversi da quello del pane, come ad esempio questo meraviglioso panbrioche con gocce di cioccolato.


Pandolce al cioccolato

Ingredienti:
500 g farina w350
150 g pasta madre a giusta maturazione, io ho usato il mio licoli
33 g lievito compresso
125 g uova (circa 2 e mezzo)
7,5 g sale fino
183 g zucchero semolato
25 g miele di acacia
41 g arancia candita macinata
50 g tuorli (circa 2-3)
185 g burro morbido
83 g acqua
1/2 bacca di vaniglia
165 g gocce di cioccolato da forno (mantenute in frigo fino all’utilizzo)

Iniziare l’impasto mescolando in planetaria con il gancio, la farina con la pasta madre, il lievito di birra sciolto in acqua e una parte delle uova.
Aggiungere poi il sale e quando l’impasto risulterà incordato, incorporare lentamente lo zucchero semolato, con la vaniglia, il miele e successivamente l’arancia candita macinata, le restanti uova ed i tuorli.
Quando l’impasto sarà uniforme e liscio, amalgamare anche il burro morbido, poco per volta, avendo cura di non aggiungerne altro fino a quando quello di prima non sia stato assorbito. A impasto ultimato, aggiungere anche le gocce di cioccolato ben fredde.

Far puntare l’impasto a temperatura controllata di (14-16 °C) oppure come ho fatto io, l’ho fatto puntare un paio di ore a temperatura ambiente e poi l’ho messo in frigo e lasciato maturare. Il giorno dopo, a seconda di quanto è cresciuto l’impasto, porzionare e lasciar lievitare ancora almeno fino al raddoppio. Spennellare con un composto di 50 g di uovo + 20 g di latte e un pizzico di sale. Infornare a 180 °C fino a cottura

Da questo ho ricavato sia un pan dolce che dei “funghetti” dallo stampo dei cupcake.

 
 
Condividi:

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

More in Classico