Condividi:

anche il traguardo più lontano a volte si avvicina con fatica, passione e il non mollare mai


Cream Tart + di 2000 likes e followers raggiunti sulla pagina facebook

Una crostata che è quasi una infografica

Una cream tart, la mia prima e forse unica (non lo so non è detto..) dedicata ad un piccolo ma per me grande traguardo. La mia pagina facebook ha raggiunto e superato i 2000 follower! Ci sono voluti un pò di anni ma la soddisfazione è enorme!

Quando ho deciso di partire con il blog, inizialmente il motivo era sia per esercizio sia per comodità. Questo infatti inizialmente era un diario dei dolci che preparavo, dosi procedure (pagine dei libri etc..) perchè spesso e volentieri non ricordavo dove avessi preso la ricetta o che dosi avessi fatto… Post-it appiccicati nei libri e riviste che ovviamente andavano persi. 🙂

Poi ho cominciato a prenderci gusto, a scrivere qualcosa in piu. Raccontando cosa c’è dietro questa passione. Nata per gioco e scommessa vero me stessa si, ma in primis dal mio bisogno assoluto di creare! E poi la cucina, mi ha sempre dato grandi soddisfazioni, ma la pasticceria.. quale sfida più bella per una che è e fa la creativa nella vita?

Inutile dire che mi sono subito disegnata il logo e personalizzata il sito (che non era questo, era meno bellino prima) e procurato uno studietto per fare le foto un pò meglio con il cellulare o la macchina digitale (anche quello ora è più grande).

E poi iniziai a comprare stampi, strumenti, tanti, tantissimi! Ho ancora stampi nuovi di zecca chiusi nelle scatole.
Diventa come una droga, uguale per i libri che crescono continuamente. Adoro la mia piccola-grande biblioteca. Ogni tanto mi alzo di notte per sfogliare qualche libro.. Mi fanno sognare, mi fanno sperare che si un giorno quel dolce la, quello bello e tecnicamente difficile lo farò anche io.. è bello sognare vero? Come si potrebbe farne a meno…

ecco che mi sono persa di nuovo… Tutto ciò per dire che a volte, da cosa nasce cosa e mi ritrovo oggi con un sacco di persone che mi danno fiducia. Qualcuna di loro mi scrive dei commenti bellissimi (che mi fanno arrossire!) mi danno la carica e mi fanno venire sempre più voglia di fare. Un sacco di persone tra i miei contatti che sono fonte di stimoli e meraviglia sempre e che assieme ai grandi maestri mi danno altri spunti ancora.

Spero di non avervi annoiato.. vorrei scrivere tante cose ancora, ma me le tengo custodite per il traguardo dei 5000! sperando arrivino presto!

Ecco la composizione del dolce

– Frolla al lampone (dalla base della frolla alle mandorle del Maestro Fusto da Crostate)
– Namelaka alla banana (aggiungi qualcosina in più sono partita dalla base per le namelaka alla frutta del maestro Santin)
– Meringhette al lampone (grazie alla cara Emanuela de il pulcino goloso)


Frolla al lampone

Ingredienti:
150 gr di burro Lurpak
125 gr di zucchero a velo
43 gr di farina di mandorle
85 gr di farina per frolla
30 gr. Polvere di lampone + Colorante rosso qb
243 gr di farina per frolla come sopra
72 gr uovo
3 gr di sale

Montare in planetaria con lo scudo il burro morbido con lo zucchero a velo, successivamente aggiungere l’uovo in cui ho sciolto la polvere di lampone ed un pò di colorante alimentare, farlo incorporare molto bene senza inglobare molta aria, unire la farina di mandorle con la prima dose di farina, dopo che è stata amalgamata bene all’impasto unire la seconda dose di farina con il sale. Non lavorare troppo la frolla formare un panetto e conservare in frigorifero fino al giorno seguente.
Il giorno seguente togliere dal frigo il panetto, e stendere a circa 2,5 mm di spessore in mezzo a due fogli di carta forno, passare in frigo per 1 oretta o più prima di ritagliare le forme desiderate. Mettere su tappetino e teglia microforata e cuocere a 170°C

Namelaka alla banana e yuzu

Ingredienti:
225 gr. di polpa di banana
15 gr. succo di yuzu ( o lime )
10 gr. di glucosio
5 gr. di gelatina + 25 rg. Acqua
400 gr. di panna fresca
350 gr. cioccolato bianco

Scaldare la polpa con il succo di yuzu ed il glucosio, aggiungere la gelatina ammorbidita in acqua fredda e versarlo sul cioccolato, emulsionare e incorporare la panna liquida fredda. Conservare in frigorifero per almeno 10/12 ore primo dell’utilizzo. Montare la Namelaka e dressare con l’aiuo di una sac a poche ed una bocchetta liscia dei ciuffetti sulle basi di frolla

Meringhe da decorazione al lampone

Ingredienti:
100 gr. albume
200 gr. zucchero a velo
0,5 gr cremor tartaro
5 gr. polvere di lampone
coloranti idrosolubili in gel qb

In planetaria  con la frusta a filo montare gli albumi con il cremor tartaro a massima velocità.
Quando iniziano a schiumare aggiungete metà dello zucchero a velo setacciato.
Aspettate che la meringa diventi più soda. Quando vedete che la frusta lascia il segno dove passa, incorporate a pioggia l’ultima metà dello zucchero a velo setacciato. Da questo momento montate  a massima velocità fino a stabilizzarla. Ho creato una serie di merighe con e senza polvere di lampone (che ho aggiunto a parte in una metà dose circa) utilizzando varie bocchete e varie dimensioni.Le ho asciugate con il forno a 70-75 °C più o meno e conservate in una scatola ermetica.

Condividi:

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.